Controllo accessi e rilevazione presenze: le migliori tecnologie

Quando si parla di rilevazione presenze, si parla di tutti quei processi che permettono di raccogliere dati inerenti i passaggi, in entrata e in uscita, di persone autorizzate all’accesso in aree riservate.

Il controllo accessi è fondamentale in moltissimi settori, da quelli aziendali, in cui è necessario avere informazioni inerenti le entrate e le uscite dei dipendenti, a quelli legati allo sport, dove il controllo accessi permette, ad esempio, l’ingresso alle strutture sportive solo alle persone autorizzate.

controllo accessiNonostante negli ultimi anni si senta parlare sempre più spesso di tecnologie legate alla rilevazione delle presenze, bisogna ricordare che i primi strumenti che effettuavano il controllo accessi, anche se in forma più rudimentale, risalgono agli anni ’50 ed erano prerogativa di fabbriche ed aziende che volevano regolare, gestire e controllare, gli orari di ingresso dei dipendenti.

Oggi badge, tessere magnetiche, smart card, tag RFID e sistemi di riconoscimento biometrico sono le tecnologie maggiormente utilizzate: essi garantiscono un funzionamento rapido e, allo stesso tempo, la massima sicurezza nella gestione dei dati registrati, nonché un’elevata praticità di uso.

Partner Data, azienda leader nella lotta alla pirateria informatica e nella produzione e distribuzione di smart card, offre una serie di soluzioni all’avanguardia per il controllo accessi in tutti i settori in cui sia necessario monitorare il flusso di persone in entrata e in uscita.

A seconda delle necessità, ossia a seconda della tipologia di aree in cui si richiede il controllo accessi, Partner Data è in grado di suggerire la soluzione che meglio si adatta alle diverse esigenze. Ad esempio, quando si tratta di autorizzare accessi in aree ad elevata pericolosità o di massima sicurezza, Partner Data suggerisce tecnologie più avanzate rispetto a quelle che possono essere, invece, le necessità di controllo accessi in alberghi, uffici, centri sportivi eccetera.

Per questo motivo, Partner Data distribuisce differenti sistemi di controllo accessi e rilevazione presenze che vanno dai badge magnetici, ai tag RFID (a corto o lungo raggio) fino ai sistemi biometrici. Il tutto per garantire la sicurezza di aree ad accesso limitato nei più differenti settori, dai mezzi pubblici ai centri sportivi, dagli uffici ai laboratori, dagli ospedali agli alberghi e molto altro ancora.

L’uso di smart card per il controllo accessi

Tra le tecnologie che maggiormente vengono utilizzate per il controllo degli accessi nei vari settori vi sono le smart card. Le smart card sono tessere magnetiche delle dimensioni di una carta di credito caratterizzate da banda magnetica o da chip, a seconda del tipo di uso che se ne deve fare.

Esistono tre tipologie principali di smart card con chip, ossia con chip di memoria, con chip di memoria protetta e con chip microprocessore: ognuna di queste trova ampio spazio nelle diverse applicazioni del controllo accessi, anche se con grado di sicurezza differente. Le smart card che offrono maggiore sicurezza sono, come si può immaginare, quelle con chip a microprocessore che, oltre che ad essere utilizzate per un accurato controllo degli accessi, possono essere utilizzate per autenticazione firme digitali, posta elettronica eccetera.

Le varie smrt card possono poi utilizzare diversi standard, che definiscono le caratteristiche fisiche delle card e le loro modalità di comunicazione. Tra i principali standard ci sono l’ISO 7816-1, l’ISO 7816-2 e l’ISO 7816-3, che permettono di definire, rispettivamente, le dimensioni e lo spessore della card, la posizione e le caratteristiche del chip e il protocollo di trasmissione dei dati.

A seconda del protocollo di trasmissione, quest’ultimo standard può essere quindi di tipo T=0 (trasmissione asincrona half-duplex), T=1/2 (trasmissione half-duplex a blocchi) e T=4 (trasmissione asincrona half-duplex byte oriented). A seconda del tipo di accesso da controllare o limitare si possono scegliere le differenti tipologie di smart card e, quindi, di protocollo di comunicazione. Inoltre, tutte le moderne soluzioni di smart card possono essere a contatto o contactless: anche in questo caso, la scelta di un tipo o dell’altro è strettamente connessa all’uso che se ne deve fare, ossia al tipo di accesso cui va connessa la smart card.

In caso di controllo accessi per sicurezza aziendale, ad esempio, la scelta delle smart card con chip a microprocessore è sicuramente la più idonea perché assicura una maggiore protezione alle aree riservate e/o pericolose per la presenza di macchinari o strumenti di elevato valore o rischiosi da utilizzare. Per questo motivo le smart card a chip con microprocessore permettono non solo di gestire il controllo accessi, ma anche di poter registrare quali siano stati gli ingressi e le uscite, potendo quindi tracciare tutti i movimenti del personale autorizzato, da e verso le aree riservate.

In molti casi, quando si reputi necessario, si può scegliere di utilizzare dei token al posto delle smart card, oppure dei lettori biometrici: questi ultimi rappresentano, al momento, la tecnologia più evoluta in fatto di controllo accessi e rilevazione presenze. Inoltre, a differenza di qualsiasi altra tecnologia che prevede sempre l’utilizzo di un supporto, quali appunto smart card, tag o token, i lettori biometrici presentano la praticità di non necessitare di alcun supporto.

Sia che si utilizzi il riconoscimento tramite impronta digitale che tramite iride, che tramite altre modalità, i sistemi di controllo biometrico sono fondamentali nelle aree ad accesso altamente riservato. In determinati casi, per una maggiore protezione e controllo accessi, si possono utilizzare sistemi di controllo accessi in combinazione come, ad esempio, un lettore biometrico associato ad una smart card.

Il controllo accessi logici: le One Time Password (OTP)

Quando si parla di controllo accessi, non si intendono solo gli accessi fisici in determinate aree ad accesso limitato, ma anche gli accessi logici. Probabilmente, proprio gli accessi logici sono oggi quelli che vengono maggiormente protetti da quanti operano e lavorano regolarmente sui computer aziendali, siano essi in rete o meno.

Per avere la sicurezza di poter controllare gli accessi logici sono necessari strumenti particolari, come i token OTP, ossia token che fanno uso di password casuali e sempre differenti, che vengono utilizzate solo una volta (OTP è infatti l’acronimo di One Time Password). Quando si parla di OTP, non si parla naturalmente solo del token che genera le password, ma di tutto il sistema di autenticazione che è caratterizzato da un fattore doppio, uno noto, ossia il codice che identifica il fruitore dell’OTP, l’altro sempre differente, ossia proprio la password generata un’unica volta.

I token OTP possono essere di tipologia differente, ossia possono essere utilizzati senza alcuna connessione al computer oppure solo a seguito di inserimento tramite porta USB. Nel primo caso, il riconoscimento avviene digitando il codice, che viene generato dal token stesso, negli appositi campi che necessitano la password per permettere l’accesso. Quando invece si utilizzano token che comunicano tramite porta USB, sarà lo stesso inserimento nel computer che permetterà l’accesso ai file, programmi e cartelle protetti. A differenza delle tecnologie per controllo accessi fisici, i token OTP sono molto più semplici da utilizzare e più economici.

Partner Data offre una soluzione molto interessante per il controllo accessi logici, ossia l’ePass OTP Authentication System. Si tratta di un token One Time Password caratterizzato da uno schermo LCD che garantisce, nonostante le piccole dimensioni di un token, di avere una visualizzazione sempre chiara della password generata. Lo schermo, infatti, è leggermente più ampio della media, proprio per evitare errori di lettura nei numeri che vengono generati per la formazione della password. Le password dell’ePass OTP Authentication System sono caratterizzate da 6 cifre numeriche sempre differenti e sempre generate in maniera casuale. Inoltre, grazie alla flessibilità del suo software, può adottare differenti algoritmi, tra cui anche l’Open AuTHentication (OATH), uno degli algoritmi più utilizzati e richiesti.

L’uso del token è molto semplice ed immediato, visto che basta premere il pulsante di accensione per visualizzare la password sullo schermo. Premendo nuovamente sul pulsante, invece, si disattiva il dispositivo. La comodità di utilizzare il token ePass OTP Authentication System è quella di poter accedere alle reti e alle informazioni protette da qualsiasi computer e in qualsiasi luogo, semplicemente effettuando l’autenticazione, ossia inserendo la password. Questa tecnologia, inoltre, permette di effettuare tutti i diversi passaggi senza che sia necessaria l’installazione di software o drive di alcun tipo.

Per tutte le differenti necessità di controllo accessi, siano esse fisiche o logiche Partner Data è in grado di offrire soluzioni sempre differenti e personalizzate per poter soddisfare la propria clientela. Da oltre trent’anni, infatti, Partner Data combatte la pirateria informatica migliorando i sistemi di controllo accessi logici.

Successivamente, l’azienda si è fatta portavoce della distribuzione delle smart card in Italia, divenendo azienda leader nel settore e promuovendo l’importanza delle differenti tecnologie per il controllo accessi, dalle smart card stesse ai token, dai tag ai lettori biometrici eccetera. Oggi, Partner Data distribuisce alcune tra i migliori strumenti per il controllo degli accessi fisici e logici, selezionando i migliori prodotti e le migliori tecnologie presenti sul mercato.

Come procedere per fare la disdetta Tre

Molto spesso si ha voglia di cambiare operatore telefonico, ma non si procede con la pratica per paura che errori nella domanda di disattivazione possano portare a problematiche e disservizi dei quali, spesso, si sente parlare.

Le lunghe attese che spesso si registrano prima di poter avere di nuovo una linea telefonica funzionante, sono il principale parametro che portano al timore di cambiare l’operatore telefonico, ma anche la paura di dover pagare costi di disattivazione spesso trattiene gli utenti dal cambio dell’operatore.

Tuttavia la procedura che permette di effettuare il cambio di operatore telefonico non è complessa, ma può variare da operatore ad operatore. Per effettuare la disdetta Tre, ad esempio, è necessario, per prima cosa, considerare il tipo di abbonamento che si ha e, soprattutto, se esso comprende anche la telefonia mobile nonché l’acquisto di uno smartphone.

La disdetta Tre più semplice da portare avanti è quella del piano Full, ossia un piano che non prevede l’uso o l’acquisto di smartphone.

Per questo tipo di piano telefonico, infatti, basta contattare la compagnia telefonica tramite il numero clienti 133 o inviare una mail all’indirizzo servizioclienti133@pec.h3g.it (si tratta di un indirizzo PEC) e richiedere la cessazione del contratto.

La disdetta Tre deve essere fatta con un preavviso di 30 giorni. Bisogna ricordare che, nel momento in cui si stipula il contratto, si è soggetti ad un vincolo della durata di un anno: questo significa che se la richiesta di disdetta avviene in un periodo successivo all’anno non si dovranno pagare penali mentre, in caso di disdetta precedente all’anno, si dovrà pagare un contributo di disattivazione pari a 49 euro.

La disdetta Tre per i piani telefonici differenti

Se Tre da un alto offre molte promozioni interessanti, dall’altro è caratterizzata dall’avere differenti prezzi di disattivazione a seconda del tipo di contratto telefonico. Se il contratto base permette un recesso relativamente economico o addirittura a costo zero, nel caso di piani telefonici differenti il recesso è invece a pagamento.

L’abbonamento Tre Free, ad esempio, prevede l’acquisto a rate di uno smartphone a prezzo conveniente. Tuttavia, se si prevede di fare una disdetta Tre Free in un tempo precedente a quello del vincolo (che può variare tra i 24 e i 30 mesi a seconda delle specifiche del contratto), allora è previsto il pagamento di 100 euro per la sola cessazione del servizio più un ulteriore costo per riscattare lo smartphone. disdetta Tre più semplice

Bisogna tuttavia ricordare che i costi legati alla Tre e in particolare allo smartphone non dipendono da eventuali finanziamenti richiesti: in questo caso, quindi, il pagamento delle rate deve continuare, indipendentemente dal recesso dalla compagnia telefonica, fino all’estinzione del debito con la società finanziaria.

Nel caso in cui l’abbonamento alla Tre preveda piani telefonici più complessi, ossia anche con comodato d’uso di chiavetta internet o altri dispositivi, le metodologie di disdetta restano le stesse, ma i costi possono essere differenti a seconda del tipo di abbonamento da disdire.

Per avere informazioni precise ed aggiornate sui costi di disattivazione basta consultare il sito dell’operatore, oppure chiamare il servizio clienti per avere informazioni più dettagliate.

10 consigli per pilotare un drone

Il drone è il dispositivo di maggiore tendenza del 2016, per tutte le ragioni del mondo.

I famosi quadricotteri volanti, o esacotteri, sono diventati talmente precisi e facili da controllare che possono essere utilizzati per infiniti scopi.

Facendo una semplice ricerca su Amazon, è possibile imbattersi in numerosi droni-giocattolo. Questi particolari modelli sono adatti all’utente medio, o del tutto inesperto, che cerca di imparare a pilotarli nel giro di poco tempo, senza spendere una fortuna. Potrai trovare dei quadricotteri a buon prezzo, oppure dei nano droni davvero economici, adatti soprattutto al volo indoor.

Tuttavia, ci sono dei droni molto più costosi, adatti sia per l’utente medio, che per un utenza professionale, proprio come il Phantom.

È uscito proprio in questi giorni il nuovo modello firmato DJI, il Phantom 4, che vanta delle caratteristiche davvero futuristiche. In primis il “Machine Learning”, un insieme di algoritmi atti a far ‘comprendere’ al drone dei movimenti di un oggetto da seguire, per non perderlo mai d’occhio.

Infine, si sono tutti quei droni professionali che vengono utilizzati dalla polizia, dai registi cinematografici e da ingegneri esperti nell’edilizia oppure nella coltivazione.

Di seguito, troverai i 10 migliori consigli per chi è del tutto nuovo in questo mondo.

Possono essere molto divertenti una volta che si è presa la dimestichezza necessaria. Non sono elencati con un’ordine preciso, quindi se vorresti acquistare il tuo primo drone, ecco i suggerimenti che fanno al caso tuo.

  1. Sappi come spegnerlo velocemente. Siccome stai per imparare a pilotare un drone, può capire di perdere il controllo. La cosa migliore da fare in questi casi è riuscire a spegnere le eliche, anche a distanza.
  2. Impara a volare negli spazi aperti, almeno le prime volte. Prima di sentire il controllo nelle tue mani, devi fare pratica. E per diventare abili a volare c’è bisogno di tempo, quindi prendi le dovute precauzioni e dirigiti verso spazi aperti dove non ci sono persone, cose ed animali.
  3. Assicurati di impostare il GPS correttamente. Se il drone non è dotato di questo servizio OK, ma prima che il dispositivo viaggi alla deriva, assicurati di calibrare il sistema GPS perfettamente.
  4. Prendi padronanza nel decollo e nell’atterraggio. Questo esercizio è molto semplice, porta il drone fino al livello dei tuoi occhi e successivamente atterra. Fallo più volte per assicurarti di non avere problemi, soprattutto per non danneggiare la fotocamera se collocata nella parte inferiore del quadricottero.
  5. Inizia a volare mantenendo sempre il livello degli occhi, senza perdere mai di vista il tuo drone. Se perdi il controllo lo puoi sempre afferrare per il carrello di atterraggio senza farti del male. Non aver paura di rimanere nelle sue vicinanze, cerca di aumentare la tua bravura.
  6. Fai pratica, poi fai pratica ed infine.. fai pratica! Ancora una volta, non si è mai davvero bravi a fare una certa cosa se non ci si allena duramente. Vola più e più volte. (Se il dispositivo ha una durata di volo piuttosto bassa, allora puoi acquistare delle batterie extra, che andrai a sostituire quando la prima è scarica).
  7. Scarica l’eventuali applicazioni, soprattutto se il drone consente il volo tramite un dispositivo portatile. Alcune permettono di controllare la fotocamera, altre sono in grado di sostituire il controller di volo.
  8. Non afferrare le eliche. Anche se sono di plastica, fanno male se colpite ad alte velocità. La pericolosità aumenta se sono in fibra di carbonio. Fai attenzione.
  9. Monta i paracolpi ed eventuali sistemi di sicurezza. Se il drone è fornito di paracolpi, allora puoi tranquillamente utilizzarli sia nel volo indoor che all’esterno.
  10. Leggi tutte le istruzioni del caso. Anche se la maggior parte delle persone odia leggere il libretto, saprai come funzionano tutti gli elementi che stai utilizzando.

Questi sono i consigli per i neofiti che si avvicinano per la prima volta la mondo dei droni. Visita il sito www.abcddroni.it se vuoi scoprire ulteriori novità sui quadricotteri, leggere le recensioni degli ultimi modelli e tanto altro ancora.

I servizi SEO di Inprima

La sfida dei nuovi mercati

 

Affrontare la sfida dei nuovi mercati mondiali era diventata una necessità impellente per la nostra società: ci occupiamo di complementi di arredo di alto livello, un settore ad alta competitività dove la sfida è quotidiana su prezzi, design e penetrazione di nuovi mercati.

Con al direzione commerciale avevamo analizzato l’utilità del nuovo sito aziendale e nonostante l’investimento avevamo notato lo scarso revenue che veniva dallo stesso in termini di visibilità e contatti commerciali.

Fu allora che abbiamo avuto l’occasione di collaborare con Adriano De Arcangelis ed al suo staff, un team che ci colpì subito per il suo entusiasmo e dinamismo. Ci fu fornito immediatamente un check up del sito, mettendone in luce le qualità grafiche di alto livello su cui in effetti ci eravamo concentrati ma dimostrandoci che non era stato pensato per una logica SEO, ovvero non avrebbe mai avuto visibilità in quell’immensità di dati che inonda il WEB.

 

Analisi e Consulenza SEO professionale

 

Affidandoci alla professionalità di INPRIMA.IT siamo riusciti in quello che per la nostra azienda era stato impossibile raggiungere con le nostre limitate conoscenze delle dinamiche della comunicazione on line, ovvero dare una visibilità efficace sui motori di ricerca alle nostre collezioni di alto valore, incrementando la nostra quota di mercato con il web marketing e e il l’e-commerce, che prima della consulenza di INPRIMA.IT era a quote decisamente marginali. Con la supervisione di professionisti quali sono i ragazzi del team di INPRIMA.IT abbiamo affinato la capacità di scrivere presentazioni di prodotti pensati per il web: un passaggio direi culturale oltre che funzionale poiché siamo evoluti dalla logica del catalogo a quella del WEB, due modi di presentare lo stesso prodotto che sono funzionalmente complementari ma non identiche. Questa evoluzione è stata merito indubbiamente della consulenza paziente e accurata di INPRIMA.IT a cui ci lega ormai una collaborazione che dura anni e una stima professionale cresciuta nel tempo.

Come effettuare un test di velocità ADSL

La velocità della connessione: i test di velocità dell’ADSL

La velocità di connessione è uno dei parametri più importanti che gli utenti controllano prima di effettuare un abbonamento con un gestore telefonico.

ADSL e fibra ottica presentano velocità molto elevate, almeno dal punto di vista teorico, ma in molti casi si sono registrati malcontenti da parte di utenti che non vedevano rispecchiati i Mega al secondo promessi e si trovavano a navigare a velocità molto inferiori.

Effettuare un test di velocità ADSL può essere un valido modo per controllare quali siano realmente i Mega al secondo che viaggiano sulla connessione in questione e cercare di comprendere, in caso di basse velocità, quali possano essere le cause.

Anche se la prima reazione al vedere che il proprio computer naviga alla velocità di pochi Mega al secondo è quella di incolpare il gestore telefonico, bisogna specificare che la velocità di connessione può essere abbassata da molti fattori.

Tra questi vi può essere quello di un computer di vecchia data, che utilizza un sistema operativo e software obsoleti e quindi non in grado di rispondere ai numerosi impulsi che provengono da una rete veloce.

Anche la presenza di virus può essere causa di problemi di navigazione, per cui è bene controllare e munirsi di un valido antivirus per proteggere sia il computer che la connessione.

Quando si effettua un test di velocità ADSL e il risultato non è quello atteso un’altra causa può essere quella della distanza tra l’utenza e la centralina di zona.

Il segnale dell’ADSL, infatti, tende a decadere con la distanza, per cui utenze troppo lontane dalla centralina risultano penalizzate rispetto a quelle a distanza minore.

Infine, un ultimo caso di rallentamento può essere dato dall’eccessiva affluenza di traffico: in questo caso riconoscere la causa è semplice, perché si può notare che il rallentamento si verifica solo in determinate ore del giorno.

Velocità teorica e velocità reale

A seconda del tipo di contratto telefonico, si può avere una connessione differente, ossia un ADSL classico, un ADSL2 o un ADSL2+. Tutte queste modalità si distinguono soprattutto per la velocità che offrono, che varia tra i 7 e i 24 Mega al secondo in download (velocità maggiori sono permesse solo dalla fibra ottica).

Queste velocità sono dette teoriche, ossia sono le massime che possono essere raggiunte, in caso di condizioni ottimali. Test-ADSL-velocita

Come già accennato, però, esistono dei casi che portano al rallentamento della connessione, per cui si registrano quelle che sono definite velocità reali, ossia quelle che effettivamente sono a disposizione e vengono utilizzate dai vari clienti.

Per conoscere quale sia la velocità reale di una determinata connessione basta effettuare un test di velocità ADSL.

Si tratta di un modo molto semplice di avere informazioni circa i reali valori dei Mega scambiati in download e upload.

Si possono effettuare test di velocità dell’ADSL su qualsiasi sito dei diversi gestori telefonici, ma esistono anche molti siti ‘indipendenti’, che con un semplice click sul pulsante di avvio del test restituiscono tutte le informazioni relative alla connessione in questione. Effettuando il test su più siti si può avere una misura più precisa della velocità.

I router per fibra ottica, una conquista moderna

Connettersi ad internet, cenni storici, l’evoluzione.

Fin dagli albori della tecnologia internet, con i primi modem analogici negli anni novanta, il chiodo fisso dei ricercatori, della tecnologia che ha ormai cambiato il mondo, era come ottenere velocità di trasmissione sempre più alte.

I vecchi modem ci permettevano di navigare trasformando (modulando) in uscita dati digitali in segnali elettrici analogici, per consentire loro di viaggiare sui cavi di rame del tradizionale, e a quei tempi unico, doppino telefonico.

La demodulazione in segnali digitali fruibili dal sistema informatico, collegato all’altro capo del cavo, veniva effettuata da un analogo modem, dopo la loro modesta corsa a massimo 56 kilobit al secondo.

L’opera di conversione in segnale elettrico, era sostanzialmente necessaria per la natura della rete fisica disponibile all’epoca, utilizzata fino a quel momento per la trasmissione del segnale voce-telefonico.

Con la tecnologia Dsl, grazie anche a dei filtri chiamati splitter che separano la componente voce dalla trasmissione dati, parte di quei limiti sono stati superati, arrivando a velocità impensabili per i vecchi modem.

Il mondo multimediale di oggi e i router.

L’adsl ormai presente nella maggior parte delle case ha dato una notevole spinta alla diffusione di contenuti multimediali, tanto che la stessa tecnologia è stata messa a dura prova da mole di dati sempre più grandi.

La stessa abbondanza di contenuti ha fatto sì che all’interno di una stessa famiglia nascesse l’esigenza di connettersi da più dispositivi differenti contemporaneamente, ricorrendo ai router; apparecchi, in sostanza, capaci di agevolare il traffico in entrata e in uscita dei vari coinquilini connessi a internet contemporaneamente, da un’unica linea.offerte-fibra-ottica

La crescente quantità di traffico ha ultimamente prodotto, non prima di un sostanziale ammodernamento delle infrastrutture, una nuova generazione di strumenti tecnici, ovvero i router per fibra ottica.

Router per fibra ottica, un notevole salto di qualità.

E’ facile intuire quindi, che un router per fibra ottica, capace di pompare dati digitali anche a più di 100 megabit al secondo, ancorché disponibile agli inizi d’internet, a poco sarebbe servito in assenza dell’infrastruttura in fibra ottica.

I router per fibra ottica non veicolano dati tramite segnali elettrici infatti, ma con i più veloci e pratici fotoni, ovvero le particelle/onde elettromagnetiche che compongono la luce.

Ma per usare questo tipo di dispositivi è necessario un ulteriore fattore. La possibilità di allacciare i nostri router direttamente alla fibra ottica, senza colli di bottiglia di sorta, magari rappresentati da un ultimo tratto nella nostra casa composto ancora dalla vecchia rete in rame. Cosa oggi possibile grazie a fornitori di servizi sempre più efficienti e capaci di risolvere ogni problema tecnico che ci impedisce di sfruttare internet al meglio.

Solo in questo caso sarà possibile utilizzare la nuova generazione di router per fibra ottica, compatibili con lo standard VDSL, sfruttando tutta la loro potenza, arrivando a connessioni con velocità potenziali anche di un gigabit al secondo.

Permettendovi di viaggiare infine, letteralmente, alla velocità della luce senza rallentamenti di sorta.

Fonte: www.sky.it/abbonarsi/offerta/offerte-fibra-ottica.html

Scegli l’invio sms da internet per la tua campagna marketing

Cerchi la giusta strategia di marketing per ottenere risultati concreti?

Cerchi un modo per far conoscere a tutti i tuoi clienti le ultime novità della tua azienda in termini di offerte e promozioni?
La giusta scelta è il servizio offerto da smsstore!
Smsstore è in grado di aiutare la tua azienda a decollare e ottenere tutto ciò di cui ha bisogno, attraverso un servizio serio e altamente professionale.
Tramite questo servizio è possibile l’invio sms semplicemente utilizzando il tuo pc, e la cosa piu’ importante è che li invii a costi davvero irrisori, e stando semplicemente seduto davanti il tuo pc o tablet.
Sul sito è possibile scegliere il pacchetto ideale alle tue esigenze, in maniera tale da studiare la strategia giusta per la tua azienda, infatti il servizio è specializzato nella creazione di messaggini ideali per ottenere risultati concreti e reali al minimo costo.
Smsstore offre anche la possibilità di provare, per un certo periodo di tempo, il servizio in maniera gratuita e senza impegno, in maniera tale da rendersi immediatamente conto delle reali potenzialità che offre a qualunque tipo di azienda.

L’invio di sms non è stato mai cosi’ semplice e veloce!

Invio di sms con dei semplici passaggi.
Questa piattaforma è cosi’ semplice da utilizzare che non è necessario avere competenze o conoscenze informatiche specifiche anzi, grazie alla sua grafica semplice e facilmente intuibile, basterà avere una semplice connessione internet.
Il risparmio è assolutamente assicurato, si riesce a risparmiare anche la metà rispetto al classico invio sms, e grazie ai pacchetti promozionali offerti si riesce ad arrivare facilmente al cliente e soprattutto in maniera diretta.

Sms per il marketing!

Utilizzare questo innovativo servizio per il marketing in maniera semplice e diretta.
Immaginate la difficoltà ad inviare migliaia di sms a tutti i vostri clienti utilizzando il vostro smartphone?
Con smsstore.it manderete le vostre offerte tramite l’invio di sms, ma non si tratta di un semplice invio di sms in quanto, una volta iscritti avrete la vostra area dedicata, da cui potrete gestire al meglio i messaggi andando ad aggiungere dei dettagli importanti, che spesso sono la marcia in piu’ per arrivare ai clienti, e convincerli che la vostra azienda può davvero offrirgli il prodotto di alta qualità al giusto costo.
Cosa è necessario possedere per utilizzare smsstore per gli sms utili al marketing?
Basta semplicemente una connessione internet, e il classico browser utilizzato da sempre, infatti questo servizio è supportato da qualsiasi tipo di browser e funziona perfettamente in ognuno di essi.

Non avrai bisogno di nessun abbonamento!

Acquistare solo gli sms utili senza alcun abbonamento.
Una delle caratteristiche piu’ importanti di cui dispone il sito è quella relativa alla modalità di acquisto degli sms, infatti non è necessario effettuare alcun tipo di abbonamento, e potrete acquistare il numero di sms idoneo alle vostre esigenze.
Utilizzando l’invio di sms da questo sito risparmierete anche sul cartaceo, infatti non sarà piu’ necessario acquistare volantini o materiale stampato, comunicherete le vostre offerta in maniera simpatica semplicemente con un sms.
Gli sms verranno inviati in tempo reale, e tramite il support presente sul sito, potrete constatare la reale ricezione del sms, di conseguenza sarete certi che i vostri clienti sono realmente informati sui vostri ultimi prodotti e sulle vostre promozioni.
Gli sms possono essere acquistati utilizzando i maggiori circuiti di pagamento presenti sul web, tra cui paypal!!!

Leggendo questo semplice articolo avrete senz’altro capito le reali potenzialità che questo servizio offre a tutti coloro che intendono effettuare del marketing tramite invio di sms in maniera seria, e con risultati reali e garantiti.
Il decollo della vostra azienda, è assolutamente certo, grazie alla semplicità del servizio offerto, ed è per questo che è l’ideale per chiunque, anche a coloro che non sono pratici al pc.
Non resta allora che invitarvi a visitare il sito e scoprire le molteplici opportunità che il servizio offre, in maniera tale da capire fin da subito, fin dal primo utilizzo, la grande opportunità offerta da smsstore.it, resterete positivamente impressionanti dalla sua capacità di arrivare direttamente ai clienti con il minimo sforzo, sia mentale che economico.
Ben presto, constaterete i reali e positivi risultati di questo servizio, e ben presto capirete di aver fatto la scelta giusta, e diventerete esperti nella creazione di sms sempre maggiormente fantasiosi, e quindi idonei ad impressionare positivamente i vostri clienti.

La copertura della fibra ottica in Italia

La fibra ottica: caratteristiche tecniche principali

La fibra ottica nelle telecomunicazioni è sicuramente una delle maggiori innovazioni degli ultimi anni.

Ma che cos’è realmente?

Si tratta di una serie di filamenti sottilissimi, il cui spessore non supera quello di un capello e la cui costituzione è, a seconda del tipo di fibra, in vetro o polimeri.

Nonostante lo spessore esiguo, la fibra ottica è costituita da due strati concentrici, uno interno molto trasparente e caratterizzato da un particolare indice di rifrazione, ed uno esterno, opaco e con superficie riflettente e con indice di rifrazione differente.

Tutti i differenti filamenti sono tenuti insieme all’interno di una guaina di gomma che ha lo scopo, oltre che di mantenimento, anche di protezione da eventuali urti e danni di provenienza esterna.

La caratteristica principale delle comunicazioni in fibra ottica è l’elevata velocità di trasmissione di un grandi numeri di dati ed informazioni, permessa dal fatto che, a transitare attraverso i filamenti, sono gli impulsi luminosi.

Proprio per questo motivo il segnale in fibra è caratterizzato anche da una minore degradazione con la distanza e da minori interferenze con campi elettromagnetici esterni.

Fibra ottica: i prezzi
La fibra ottica in Italia: copertura e caratteristiche

Nonostante le continue offerte e promozioni da parte dei differenti gestori telefonici riguardo le connessioni in fibra ottica, in Italia questo servizio non è ancora disponibile su tutto il territorio.

Infatti, i dati che riguardano la copertura della fibra ottica sulla penisola italiana parlano di uno scarso 15%, per lo più concentrato nelle maggiori città e centri urbani.

Tuttavia, la richiesta e la conseguente copertura da parte delle diverse compagnie telefoniche sta portando ad una maggiore evoluzione della fibra ottica, come si può evincere anche dal sempre maggiore abbandono della oramai classica linea ADSL a favore delle connessioni ultraveloci.

L’aumento della richiesta, infatti, ha portato le compagnie telefoniche ad incrementare gli investimenti su questa tecnologia che, si stima, potrebbe arrivare a servire il 50% degli italiani entro il 2016.

Si tratta di stime fornite dai differenti gestori telefonici, che, se non proprio reali, possono essere considerate molto realistiche. Infatti sono sempre di più i centri che vengono serviti dalla fibra ottica e, allo stesso tempo, sempre di più gli utenti che si abbonano alla linea superveloce offerta dai differenti operatori.

Tuttavia, a confronto del servizio offerto dalle altri nazioni europee, la copertura della fibra ottica in Italia resta ancora molto indietro, nonostante gli ultimi cospicui investimenti che hanno permesso l’installazione del servizio in un numero sempre crescente di paesi e città.

Fibra ottica: i prezzi

Uno dei principali fattori che ha permesso l’incremento della richiesta della fibra ottica è il rapporto qualità prezzo.

Nonostante i prezzi in abbonamento possano raggiungere una media di 60 euro (variabile a seconda degli operatori e dei servizi offerti), il grande numero di offerte e promozioni permette agli utenti di poter utilizzare la fibra ottica a costi molto minori, oscillanti tra i 25 e i 40 euro al mese.

Si tratta di prezzi che non differiscono molto dai normali costi dell’ADSL, per cui diventa quasi automatico optare per la fibra ottica quando, con una leggera differenza di prezzo, si possono ottenere maggiori vantaggi in termini di velocità di connessione.

Caratteristiche e funzionalità della Web TV

La nostra società è ormai immersa nel mondo di Internet e quindi tutto sembra essere collegato ad esso.

Sta prendendo sempre più piede la cosiddetta Web TV, ossia un modo di guardare la televisione attraverso il web.

Com’è possibile? Il servizio si basa su una connessione ad Internet e attraverso la tecnologia streaming è possibile guardare serie tv o film direttamente dal proprio dispositivo.

Grazie alla globalizzazione le reti mondiali si sono diffuse in tutto il mondo e, quindi, le emittenti sono in grado di raggiungere ogni parte del globo terrestre.

Per godersi il proprio film o la propria serie tv preferita in streaming è necessario possedere una buona connessione a banda larga (ADSL). 

La Web TV viene suddivisa, generalmente, in due tipologie: quella in live streaming e quella on demand.

La differanza fondamentale è che con la prima il programma è in video diretta, con la seconda è possibile programmare quando e come vedersi un film o un programma televisivo. Entrambe garantiscono comodità, velocità, efficacia e dinamismo.

Giovani e Web TV

Personalità e creatività: parole chiavi della Web TV

Una tra le caratteristiche e funzionalità della Web TV è la possibilità di gestire personalmente la fruizione dei programmi televisivi.

In questo modo è la televisione che si adatta ai nostri orari e ai nostri momenti di pausa e non il contrario.

Sappiamo bene, infatti, quando sia addolorante perdersi una puntata fondamentale di una serie televisiva perchè quando la trasmettono non siamo in casa o non abbiamo tempo.

Con la Web TV ognuno è padrone di farsi la propria scaletta e decidere dove, come e quando rilassarsi e godersi la questo tipo di tecnologia.

Giovani e Web TV

La Web TV è correlata alle generazioni giovani. Infatti, fortunatamente, hanno capito le potenzialità delle caratteristiche e funzionalità della Web TV e hanno deciso di non lasciarsi sfuggire l’occasione.

Attraverso questo servizio è possibile osservare la realtà che ci circonda e comunicarla agli altri attraverso il Web.

Finalmente prende piede un utilizzo consapevole e intelligente di Internet. Una volta che, infatti, un contenuto viene messo in rete, esso, inevitabilmete, produce una catena di osservazioni che derivano dal punto di vista degli altri. Scontri e approvazioni non possono che condurre ad un’unica direzione: crescita e maturazione della propria identità.

Infatti, i giovani non solo portano avanti e accrescono la Web TV ma hanno dato vita a un altro servizio che prende il nome di Social TV, ossia fusione tra TV e social media. Le caratteristiche e funzionalità della Web TV si uniscono a quelle dei social media fino a creare forum, community, ecc…

In particolare, si verifica che le trasmissioni televisive vengono trasportate sui social network, dove vengono commentate e criticate dai fans. Inolte, quasi invevitabilmente, nascono gruppi e fan page che esaltano i personaggi preferiti e gli attori che li interpretano.

La prova di questa nuova tendenza è l’aumento dei tweet che riguardano programmi televisivi e la creazione sempre maggiore di hashtag che si riferiscono a serie tv.

Infatti, diventa sempre più comune vedere la stessa televisione, con le sue trasmissioni, fornire input per incontrarsi virtualmente sui social. Non è raro, infatti, che i programmi forniscano già hashtag e che attraverso essa chiedano di esprimere opinioni.

Fonte: www.sky.it/prodotti-sky/sky-tim.html

I nuovi smartphone del brand LG: LG G Flex 2 ed LG G4

Il marchio tecnologico LG è uno dei più rinomati a livello internazionale, di conseguenza non può che essere interessante scoprire le caratteristiche tecniche e funzionali degli ultimi smartphone lanciati sul mercato da questo brand.

Lo smartphone, il prodotto innovativo per eccellenza

Gli smartphone sono degli articoli tecnologici per i quali le case produttrici propongono delle innovazioni in modo costante: nel settore della tecnologia, d’altronde, essere sempre all’avanguardia è un autentico imperativo per le aziende che intendono essere competitive.

LG Italia è un brand che si è sempre dimostrato fortemente propenso all’innovazione, di conseguenza scoprire le peculiarità degli ultimi modelli di smartphone presentati da questa multinazionale è decisamente stimolante per il consumatore.

Tra le più recenti proposte di LG relative a tali articoli si segnalano LG G Flex 2 ed LG G4, degli smartphone decisamente ricchi di novità rispetto ai modelli precedenti.

LG G Flex 2: lo smartphone dall’assetto curvo

LG G Flex 2 è uno smartphone che presenta una novità che non passa affatto inosservata, rappresentata dal suo assetto lievemente curvo.

Una forma di questo tipo non è affatto casuale, anzi è frutto di scrupolosi studi da cui è risultato che una leggera curvatura, appunto, rende il cellulare maggiormente ergonomico, oltre che più comodo da portare in tasca.

LG G Flex 2 è uno smartphone Android che offre un’eccellente esperienza video grazie al suo innovativo display con risoluzione Full HD; la già citata curvatura, inoltre, contribuisce ad accentuare la nitidezza dell’immagine in ogni punto dello schermo.

In questo modello è molto interessante anche la tecnologia Glance View, la quale consente di controllare l’orario e le notifiche senza dover accendere l’intero display; allo stesso tempo, inoltre, la batteria da 3000mAh garantisce una notevole autonomia ed una grande rapidità di ricarica.

Per quanto riguarda la fotocamera, la principale novità di questo modello è rappresentata dal cosiddetto Gesture Shot, tecnologia che consente di scattare dei selfie tramite un semplice movimento della mano.

LG G4: innovativo modello con rivestimento in vera pelle

Smartphone miglioreLG G4 è l’ultimissimo smartphone targato LG, un modello che conferma il design ad arco e che presenta una novità estetica tanto insolita quanto elegante, ovvero un raffinato rivestimento in vera pelle disponibile in diverse colorazioni.

L’innovativo display IPS Quantum offre delle immagini molto nitide con dei colori vivi e piacevoli, mentre la fotocamera da 16MP con lenti F1.8 consente di scattare delle fotografie di ottima qualità anche in condizioni di iluminazione tutt’altro che favorevoli.

La fotocamera di LG G4, inoltre, consente di impreziosire le fotografie scattate con una serie di effetti degni delle fotocamere professionali, senza dimenticare lo stabilizzatore ottico che scongiura in modo ottimale il rischio che le immagini risultino mosse.

La batteria removibile da 3,000mAh garantisce allo smartphone un’ottima autonomia, e chi ha già avuto modo di scoprire questo nuovo cellulare LG ha sottolineato positivamente anche la cura della grafica e la grande intuitività dello schermo.

Gli ultimi due modelli di smartphone targati LG, dunque, sono ricchi di punti di forza, e anche dal punto di vista estetico sono considerati dei cellulari molto interessanti.

Sia LG G Flex 2 che LG G4, d’altronde, hanno riscosso un ottimo successo sul mercato, nonappena la casa produttrice ne ha avviato la commercializzazione.